torna a: home - Associazione Culturale Clara Maffei
torna a: galleria
torna a: galleria
Storia | Cinema | Verde | Galleria | Miscellanea | Eventi | News |


A ROMA, DAL 29 SETTEMBRE AL 3 OTTOBRE 2016 LA X EDIZIONE DELLA BIENNALE INTERNAZIONALE DI ANTIQUARIATO A PALAZZO VENEZIA

Dal 29 settembre al 3 ottobre 2016 il Polo Museale del Lazio ospita a Palazzo Venezia a Roma la Biennale Internazionale di Antiquariato, giunta alla X edizione e ormai diventata un appuntamento fisso nel panorama nazionale e internazionale. La manifestazione, organizzata per la prima volta nel 1998, pur mutando nel corso del tempo e venire incontro ai gusti del pubblico, ha saputo mantenere integra la propria identità di grande vetrina del collezionismo e del mercato antiquario.

L’edizione odierna, anche al vaglio di una commissione di vigilanza (vetting) di eccellenza, assicura la continuità dell’impegno nella selezione qualitativa degli espositori e degli oggetti presentati. Professionisti delle principali rassegne internazionali si confrontano dunque con alcuni esponenti della giovane generazione di antiquari, portavoce di un gusto nuovo e diverso anche nell’esposizione delle opere (display).

“Il Polo Museale del Lazio – afferma il direttore Edith Gabrielli – si è fatto volentieri carico non solodi ospitare la Biennale in un’istituzione di grande prestigio, qual è appunto Palazzo Venezia, come pure di predisporre, organizzare e sostenere un adeguato comitato di vetting: su questa base si è voluto alla presidenza del vetting uno studioso di livello come Francesco Federico Mancini, professore ordinario di Storia dell’arte moderna all’Università di Perugia. Il mondo dell’antiquariato va considerato, senza se e senza ma, un ingranaggio, un momento indispensabile del sistema artistico e culturale di una nazione come l’Italia e perciò della sua capitale, Roma. Giusto dunque sostenerlo, mantenendo naturalmente ferme le nostre prerogative”.

“Insieme al direttore del Polo Museale del Lazio e al Direttore del Museo – ribatte Cesare Lampronti, presidente dell’Associazione per la Biennale – abbiamo dedicato a quest’evento tempo e sforzi notevoli. Il risultato è un progetto realmente condiviso, che per questo mira a raggiungere un livello pari e per certi aspetti superiore a quello delle esposizione passate. Sono certo che la risposta del pubblico sarà adeguata a questo impegno”.

Infatti, in mostra ci sono opere di artisti e maestri che vanno dal XV secolo (dal Battistello al Carracci) all’arte contemporanea (da Picasso a De Chirico, da Balla a Fontana e Burri) esposti da 32 espositori di Roma, Torino, Firenze, Milano, Bologna ma che operano anche all’estero: New York, Londra, Parigi, Monaco di Baviera. Quindi una enorme galleria d’arte (940 metri quadri) con dipinti e oggetti d’arte, mobili e utensili di ottima qualità artistica.

“Un museo nel museo – dice Giuliano Muzzi, curatore dell'allestimento -, ma costruito con stanze e piazze, per una diversa esperienza di fruizione, che porti il visitatore ad avvicinare le opere d'arte. E proprio Muzzi firma il pezzo più recente della Biennale, “Echo”, tavolo in acciaio brunito a tiratura limitata, realizzato a mano da un'unica ellissi che si piega e scompone in spazi differenti. ''Proprio come l'eco – conclude -, che torna, ma sempre diversa”.

José de Arcangelo

BIGLIETTI: intero € 15, ridotto € 10, gratuito 0/12 anni (accompagnati da un adulto pagante) e altre categorie. L’ingresso consente anche la visita al Museo.

 

 

inserito il 29 settembre 2016